29.5.07

Ouch! Che legnata!



Buone notizie dal fronte settentrionale, cari amici e vicini.

In gran parte delle città del nord interessate dalle amministrative dell'ultimo fine settimana, la CdL, laddove si è presentata unita e compatta ed ha dimostrato di saper superare le logiche d'interesse del singolo partito, celebra vittorie che definire schiaccianti sarebbe sminuire.

Qualche numero?

Partiamo dal mio Piemonte.
Alessandria va alla CdL con il 62,4% ed Asti con il 56,1%. Cuneo resta feudo rosso, ma con il 50% rosicato. Godo.

In Veneto, Belluno e Verona passano al centrodestra con il 55,15 ed il 60,8 rispettivamente.

Persino alcuni comuni della rossissima Toscana sono costretti al ballottaggio, come del resto la Provincia Genovese.

Il record tocca a Reggio Calabria, che consacra sindaco Scopelliti con il 70,1% dei consensi.

E dove il centrosinistra si afferma maggiormente, si tratta sempre di cifre ridicole rispetto ai trionfi dei candidati della Casa delle Libertà.

Che il popolo italiano si stia finalmente svegliando e liberando dalle nubi sinistrorse che da anni ottenebrano le menti dei cittadini?

Sarebbe ora!

Ha ragione il sindaco-filosofo di Venezia, Massimo Cacciari, a dire che il nord (produttore di circa il 60% del PIL nazionale) ne ha piene le balle di queste mummie, nonostante i mille trasformismi (exempli gratia, il nascente-morente Partito Democratico, costituito per lo più da vegliardi con il Superattak sul culo e/o da maghi del mimetismo politico come Follini) ed i vari trucchetti per ottenere maggiori consensi.

Popolo, preparati: una nuova era sta arrivando.

L'Italia s'è Destra!

ilpa

27 Comments:

Anonymous hunter said...

Il centrodestra espugna 5 comuni, conferma 5 province e 10 sindaci. Tra due settimane ballottaggi in otto capoluoghi e alla Provincia di Genova.

che sia un segnale???

stiamo a vedere...

saluti!

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=181578

10:23 PM  
Anonymous Max said...

Più passa il tempo più perdono consensi. Se durano 5 anni alle prox elezioni politiche sfioreranno il 10%!!!!
Rimandiamoli nelle fogne.

10:43 AM  
Anonymous Anonimo said...

ma vaffanculo!!

2:17 PM  
Blogger ilpari said...

Buoni solo a insultare, i sinistrati.

Brucia u' peperone, eh?

Piccolo off topic: leggete qui.

BUCAREST (Reuters) - La Romania non accetterà di smaltire i rifiuti derivanti dall'emergenza in Campania, ha detto oggi il ministro dell'Ambiente romeno Attila Korodi.

Lunedì il ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio aveva detto di aver proposto alle autorità romene di ricevere una parte dei rifiuti in eccesso per far fronte alla situazione di emergenza nel Napoletano.

Ma le parole di Korodi non lasciano spazio a dubbi: "La nostra posizione è chiara: non lasceremo entrare in Romania i rifiuti italiani", ha detto il ministro all'agenzia di stampa Rompres.

"Le nostre infrastrutture non sono abbastanza sviluppate neanche per i nostri rifiuti", ha proseguito il ministro, che avverte: "Se qualcuno porterà dei rifiuti in Romania, ne dovrà rispondere di fronte alla legge romena".

Il ministro ha spiegato che l'intesa sull'ambiente raggiunta con Bruxelles permette alla Romania di non accettare i rifiuti degli altri paesi membri fino al 2015.

Domani una delegazione del ministero dell'Ambiente italiano incontrerà Korodi a Bucarest per discutere della vicenda.

Fonte: Reuters 30/05/2007

...

Che peccato che la Romania non ci premi con la reciprocità.

Noi da anni accogliamo in Italia i rifiuti della società rumena!

ilpa

5:07 PM  
Anonymous Anonimo said...

A, che bellu cafè, pure in carcere 'o sann fa...

5:13 PM  
Anonymous Anonimo said...

PORCO HUNTER!!!!!E bella ilpà che spacca!!!!!!!!!!!!!!!!Non si può sentireeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!

5:15 PM  
Anonymous ivanne said...

Comunque a sto Ivan la grazia gliel'hanno data...ora basta!!!!!!1

5:16 PM  
Anonymous hunter said...

anonimo grazie mille per i complimenti...

forse le banane nel culo fanno male e quindi sei frustrato e ti sfoghi con me...

per quanto riguarda l'emergenza rifiuti, consiglio di dare un'occhiatina dal nostro fratello Homer...

gli ho mandato una cartolina...

saluti!

9:55 PM  
Anonymous Anonimo said...

"forse le banane nel culo fanno male e quindi sei frustrato e ti sfoghi con me..."....ma dove abiti in Uganda??che tipo...gia mi ti immagino..cappello con pantaloni che partono dalle gionocchia e maglietta rigorosamente taglia XXXXXXXXXXXXXXXL così almeno cala con un bel "Ferragosto a Rebibbia"...cervelli malati!!

3:32 PM  
Blogger ilpari said...

Anonimo, se non ti piace, puoi sempre guardare altrove.

Il mondo è grande.

Ti consiglio letture internautiche a te più consone, come www.pmli.it.

Datti fuoco.

Senza stima.

ilpa

9:10 AM  
Anonymous Anonimo said...

Ahhh!! Che mossa autoritaria del moderatore nonché creatore di questo sito deprimente!!Sensazionale!Da prima pagina!Allora era vero che "spaccavi"?!Meno male, almeno siete coerenti.

Ciao "ilpa che spacca" (le palle).

2:07 PM  
Blogger ilpari said...

Punto numero uno: è uno spaccapalle chi posta messaggi inutili a 'casa d'altri' o chi scrive ciò che gli pare sulla propria pagina?

Punto numero due: trovi il blog deprimente? Eppure, sei sempre qui.

Non sarà mica che... chi disprezza compra?

Comprati un cervello, prima di tutto.

Ri-addio.

ilpa

PS: è il periodo della festa de l'unità, se proprio hai voglia di qualcosa di deprimente...

5:59 PM  
Blogger ilpari said...

Tra l'altro, che fine ha fatto quel simpaticone di adolf? Quello che sparava cazzate sugli altrui trascorsi...

Tipicamente da sinistrati: tirare il sasso e nascondere la mano.

Vieni fuori, bel coniglietto.

Su, su: dove ti sei nascosto?

Eddài, dimmi chi sei...

Se è vero che mi conosci, potrebbe darsi che io sia a conoscenza dei problemi che hai avuto da piccolo e che quindi possa capire.

E perdonare.

Ciao ciao.

ilpa

6:03 PM  
Anonymous Anonimo said...

Ah, questa è casa tua. Scusami pensavo vivessi sotto ad un ponte.

Il cervello l'ho già comprato, costato anche poco. Tu quand'è che ti compri un nuovo vocabolario di Italiano?? "Eddai" o "unità (con "u" minuscola).

Ancora scrivi! Chiudi il blog che fai più bella figura.

"Vieni fuori, bel coniglietto.

Su, su: dove ti sei nascosto?"

Vuoi sembrare sempre più mafioso ed invece hai soltanto paura.

Ciao "ilpa che spacca".

12:25 PM  
Blogger ilpari said...

l'unità è talmente una merda che non merita neppure la maiuscola.

Sei un po' a corto di argomenti se conti le pulci al mio modo di scrivere.

Su, sono certo che, impegnandoti, potresti addirittura scrivere qualcosa per cui valga la pena rispondere.

Saluti.

ilpa

8:26 AM  
Anonymous hunter said...

rispondo alla tua terz'ultima frase:

ne dubito...

saluti!

8:55 AM  
Anonymous nonparlated'altro said...

No, caro "ilpa che spacca", io non sono a corto di argomenti. E non sto cercando le pulci fra le tue frasi demagogiche.

Dovreste essere voi, piuttosto, a proporre altri articoli invece che situazioni di cui se ne sente parlare in tutte le televisioni ed in tutti i giornali.

Ad ogni modo, avete voluto affrontare questo argomento. Ti dico una sola cosa: ripensa alle elezioni regionali durante il governo Berlusconi. Com'è che la destra non andò a a casa pur subendo una pesantissima sconfitta?

2:18 PM  
Blogger ilpari said...

Oh, guarda un po'!

Un argomento!

Rudimentale, grezzo e qualunquista, ma pur sempre un argomento!

Pensavo che nella tua testa ci fosse un solo neurone tipo la particella di sodio della pubblicità.

Hai ragione ad obiettare: la CdL prese anch'essa sonore legnate alle amministrative durante il governo Berlusconi (cosa, tra l'altro, che ha costituito il cavallo di battaglia di Prodi & Co. sui media nelle ultime settimane, quindi non credere di aver inventato l'acqua calda).

Ed è vero che, nonostante tutto, il Cavaliere non si dimise.

Vero è, altresì, che, se si tornasse alle urne adesso, il centrodestra vincerebbe ad occhi chiusi, ma nessuno con un po' di senno potrebbe credere che, allo stato attuale delle cose, la CdL potrebbe reggere a lungo.

Punto primo: riforma completa e totale della legge elettorale, con tanto di liste aperte e premio di maggioranza al primo partito e non alla coalizione (se no, comoda la vita!) e sbarramento al 7% sia alla camera sia al senato (quindi, foeura d'le bale i partitini da bar dello sport).

Punto secondo: primarie per la coalizione di centrodestra. Se è vero che l'elettorato della CdL è stufo di Berlusconi, lo si dimostri democraticamente.

Punto terzo: un programma credibile per lo sviluppo delle imprese e del lavoro, certezza di federalismo fiscale, certezza della pena per chi delinque ed una politica per l'immigrazione sostenibile.

Chiedo tanto?

ilpa

4:49 PM  
Anonymous oggettivi said...

No, non chiedi tanto.

Sicuramente si, se si tornasse alle urne oggi la Cdl vincerebbe.

Se si tornasse alle urne il nostro paese cadrebbe ancor più nel baratro. Non faccio distinzioni fra Destra e Sinistra, ad oggi sono pochi i politici che sappiano gestire un paese stracolmo di contraddizioni.

"Rudimentale, grezzo e qualunquista, ma pur sempre un argomento!": non penso lo sia. Vedi questo è ciò che si dice "opportunismo": quando fa comodo ad uno è un fatto eclatante, quando non fa comodo è una situazione come un'altra. C'è pochissima oggettività.

Ciao "ilpa che spacca"

8:37 PM  
Blogger ilpari said...

Non è questione di 'comodo' o 'non comodo': è stato detto e stradetto da Prodi e il suo Soviet in ogni singolo intervento su giornali e televisioni dal weekend elettorale ad oggi!

Quindi, non credere di aver fatto lo scoop.

Tutto qui.

Ti cito: 'Non faccio distinzioni fra Destra e Sinistra, ad oggi sono pochi i politici che sappiano gestire un paese stracolmo di contraddizioni.'

Chi sono, secondo te, i 'pochi politici' di cui parli?

ilpa

8:47 AM  
Anonymous Anonimo said...

Veltroni. Forse non sarà un genio della politica ma è sicuramente uno che può azzittire le "lotte intestine italiane".

A noi italiani serve un uomo che riesca a mettere d'accordo la stragrande maggioranza del paese.

Purtroppo, fin'ora, c'è stata la sola deplorevole dittatura fascista.

Ciao

9:10 AM  
Blogger ilpari said...

Deplorevole?

1) Patti lateranensi (questione fino ad allora irrisolta dei rapporti fra Stato e Chiesa)

2) Legislazione sociale

3) Previdenza sociale

4) Grandi opere

5) Sentimento nazionale rafforzato

7) Bonifica delle zone paludose

8) Potenziamento del sistema ferroviario

9) Arricchimento generale della popolazione

10) Politica demografica

11) Lotta al comunismo (il punto che mi piace di più...!)

...

Alla faccia del 'deplorevole'...

"Benito Mussolini è uno dei più grandi legislatori viventi" (Winston Churchill dixit, mica un baluba qualsiasi...)

E un Veltroni (autodefinitosi 'uomo di cinema prestato alla politica') capace di dissanguare le casse del comune di Roma per cercare di fare una pietosa concorrenza a Venezia ed in grado di regalare terreni demaniali ai Rom sarebbe un uomo capace di 'azzittire le lotte intestine italiane'?

Mah, ci credo poco.

Soprattutto perché, ora come ora, il problema più serio è che la principale fonte di disaffezione alle istituzioni non proviene dalle solite zecche dei centri sociali, ma dalle imprese e dai lavoratori del nord Italia (guarda caso, chi produce il 60% del PIL nazionale, i cui frutti sono impietosamente dilapidati in politiche socio-economiche disastrose).

Per concludere, non mi fiderei MAI di un personaggio (Veltroni) che ha affidato incarichi di responsabilità amministrativa (quindi PUBBLICA) a personaggi come Silvia Baraldini.

Devo anche spiegare chi è quest'ultima o bastano i quotidiani?

Saluti.

ilpa

12:26 PM  
Anonymous Anonimo said...

Si vede proprio: l'ottusità. Il rincoglionimento (scusa il termine) che vi hanno attuato nel cervello, il lavaggio che vi hanno fatto nel corpo. Ancora a ipervalorizzare Mussolini ed il fascismo.

Toc, toc: stiamo parlando di Benito Mussolini. B E N I T O M U S S O L I N I!
Fascismo, dittatura, guerra.

Non mi venire a parlare di "orgoglio italiano" fondato da Mussolini perchè io ti ci farei stare sotto un regime totalitario (comunista o fascista). Perchè siete capaci solo a parlare senza averle mai vissute certe situazioni. Ancora che inneggiate al Fascismo: ecco perché l'Italia non va avanti.

"Soprattutto perché, ora come ora, il problema più serio è che la principale fonte di disaffezione alle istituzioni non proviene dalle solite zecche dei centri sociali, ma dalle imprese e dai lavoratori del nord Italia (guarda caso, chi produce il 60% del PIL nazionale, i cui frutti sono impietosamente dilapidati in politiche socio-economiche disastrose)."

Allora, facciamo una cosa: togliamo la cittadinanza italiano dall'Emilia Romagna in giù. Certo, Roma non conta più nulla.

Prendi un libro di storia e STUDIALO dal Paleolitico al 2007 (guarda bene la storia Romana

Ciao

2:11 PM  
Blogger ilpari said...

Eh, sì: proprio QUEL Mussolini. Perché quel partigiano disgraziato che hai avuto come insegnante di storia si è guardato bene dal dirti che il Ventennio Fascista non fu solo guerra, morte e distruzione (che iniziarono nel 1940, mentre la Marcia su Roma fu nel 1922).

Volevi la digressione storica? Eccotela servita!

La storia Romana a cui ti riferisci (per Dio solo sa quale insulso motivo) riguarda il periodo dal 723 a.C. fino al crollo del Sacro Romano Impero.

E allora?

Sveglia, bimbi: siamo nel 2007, con i problemi del 2007 e con i deficienti del 2007 che massacrano l'Italia del 2007.

Ora, prendi una sedia, un'aranciata e spalanca le orecchie.

1) Come mai SOLO in Campania c'è il drammatico problema dei rifiuti, mentre in tutto il nord Italia se non fai la differenziata ti fanno un culo così?

2) Come mai il 60% del PIL si concentra in Piemonte, Lombardia e Triveneto?

3) Come mai chi ha il culo incollato a Roma teme il federalismo fiscale come fosse la peste?

4) Come mai l'indulto e non un potenziamento del sistema carcerario?

5) Come mai si percepisce la necessità di spalancare le frontiere all'immigrazione selvaggia e di regalare agli stranieri il voto dopo soli cinque anni?

E se mi vieni a fare il solito pastone buonista del tipo 'anche noi siamo stati migranti e bla bla bla', vai a chiedere ai nostri cugini che ora sono negli USA o in Argentina la vita che hanno dovuto fare.

Non sarà che a questa masnada serve un serbatoio di voti perché sente che la sinistra in Italia ha i minuti contati?

Mi guardo bene dal magnificare tutto l'operato di Mussolini (eppure, gli 11 punti del precedente commento sono sui libri di storia... ammesso che ci sia in giro ancora qualche insegnante serio e non solo partigiani disgraziati), ma per avere qualche legislatore coi controcazzi che si smarchi dalle pressioni di piazza per mettere le cose in quadro, onestamente, ci metterei la firma.

Puoi non essere d'accordo con le mie idee (ci mancherebbe: se fossimo tutti d'accordo su tutto, sai che palle...), ma ti faccio notare che parole come 'rincoglionimento' qui non sono ben viste.

Domande?

Cordialità.

ilpa

4:24 PM  
Anonymous Anonimo said...

1) Ti rispondo iniziando dall'ultima parte del tuo discorso:
"ma ti faccio notare che parole come 'rincoglionimento' qui non sono ben viste", se leggessi bene il mio commento prima vedresti scritto "(scusa il termine)".

2) "1) Come mai SOLO in Campania c'è il drammatico problema dei rifiuti, mentre in tutto il nord Italia se non fai la differenziata ti fanno un culo così?

2) Come mai il 60% del PIL si concentra in Piemonte, Lombardia e Triveneto?". Bene, quindi quella parte d'Italia può benissimo essere cancellata dalla cartina perché non siamo capaci di aiutarla, perché non ve ne è mai fregato nulla di ciò che accadeva in quei luoghi. Bello vedere che c'è gente che sta bene al nord, denunciando i problemi al sud senza saper, poi, come dare un aiuto.

3) Mi riferisco alla storia romana perché sarebbe meglio guardare un pò indietro piuttosto che avanzare sempre. Non a caso manteniamo invariato molte leggi del "Corpus iuris civilis".

4) "Come mai l'indulto e non un potenziamento del sistema carcerario?", l'amichetto Berlusconi ci ha lasciato una bella eredità finanziaria.

5)"Eh, sì: proprio QUEL Mussolini. Perché quel partigiano disgraziato che hai avuto come insegnante di storia si è guardato bene dal dirti che il Ventennio Fascista non fu solo guerra, morte e distruzione (che iniziarono nel 1940, mentre la Marcia su Roma fu nel 1922)." No, nessun partigiano. L'evento che più spicca nell'operato fascista è la guerra ed ancor di più la DITTATURA.

In ultima istanza preferisco mille volte più la contestazione di piazza che un "legislatore"-dittatore.

Cordialità

Ciao

5:04 PM  
Blogger ilpari said...

Mah, se preferisci la contestazione ad una legislazione efficiente...

Evita per lo meno di indossare il passamontagna: fa caldo.

ilpa

PS: non ho capito che c'entra l'eredità finanziaria del Berlusca (tra l'altro di ottimi livelli, come finalmente ammesso anche dall'illustre Padoa Schioppa) con l'indulto.
Continua a leggere tranquillamente l'unità (eh, sì: con la minuscola). Troverai lì le risposte che ti servono.

PPS: topic chiuso. Se vuoi commentare oltre, vai al post più recente (Emergenza democratica).

5:16 PM  
Anonymous Anonimo said...

alle fogne ci va chi ha votato il berlusca!sono tutti dei coglioni quelli ke l'hanno votato anche xchè avete aiutato la lega...e aiutare un "uomo"(bossi)ke dice ke x lui da roma in giù nn esiste l'italia......bhè allora nn oso continuare!lo sapete qual è il vero fatto?ke voi siete di destra ma nn sapete xchè.vi fate i fascisti ma nn sapete cos'è il fascismo.vi fate i saggi e i sapienti e poi leccate il culo!siete di destra solo x convenzione...o xchè lo è un vostro amico o ancora peggio xchè lo sono i vostri genitori!è uno schifo questa società cn persone del genere e poi x finire...OMERO!!!!!!!!!!!!!!!!tu devi solo stare zitto in una famiglia di corrotti e con lo zio che è la carta igenica di berlusconi!ora basta avete rotto!

4:33 PM  

Posta un commento

<< Home